NONNA RACCONTAMI UNA FAVOLA

NONNA RACCONTAMI UNA FAVOLA
C'ERA UNA VOLTA

'NDO LU FOSSU !!!

'Ndo lu fossu!!

Enrico e Maria ( Richetto e Marietta)
Anni 60
Richetto – Mariè! Ma do stai a jì co sta prescia stamatina? Non lu senti che tira lu ventu?
Ma do vai co sta bricichetta?
Marietta – Mpo’ zittete, ma che ne sai tu? Arvà a durmì cusci non rumpi….
Richetto – Ssci, sci, me zitto!! Ma do a da jì ? me lo voli di sci o no?
Marietta – Oh mamma mia!! Che lagnu che c’iai stamatina. Chissà ‘ndo vò, accidenti! Vo ‘nfarmacia, da Bartuli  ‘n piazza, a pijà le pasticche per te.
Richetto – E cià da jì ‘n bricichetta?
Marietta – Noo! Me ce compagni tu co la carretta!! Chissà come ce vò!! Ma lasseme stà!! Ciao
Richetto – Ciao Marì! Quando se rvedemo?
Marietta – Quando cà rtorno me rvidi. E basta non parlà più che me fai perde tempu, a stora ero jà rtornata!!
Richetto – Oh Maria!! Va dritta, pedala piano sennò vai a finì ‘ndò stu fossu!!
Marietta – Oh !! Richè, Riché!! Madonna mia!! E’ surdu , quannu lu chiami ‘nsente mai!!
Richetto – Ah Mariè!! Te sento, te sento!! Ma non te vedo, ma ‘ndo stai? Che strilli? Che hai vistu lu diavulu!!
Marietta – Chissà ‘ndo sto!! Sto di qui, ‘ndo lu fossu, veni qua, ardro che diavulu!!
Richetto – Oh! Mo te vedo, ma che ce sei jita a fa ‘ndo lu fossu? Io lu diciu tanto pe di, mica ce duvii da jì per dero!! E scappa fori, no lu vidi che hai scocciato tutta la bricichetta, era nova nova!!
Marietta – Ah! Tu stai a pensà a la bricichetta! Sé rotta lia! E io? Me dole tutto!! Che doloreee!! Mamma mia vella!!  ‘Nco me guardì?
Richetto – Eh! Te guardo sci!! Dice che cii prescia? Vurrio sapè come sei jita dilì, ma non putii camminà ‘ndo la strada come fonno tutti li cristiani? Cuscì hai scocciato tutta la bricichetta.
Marietta – Co sta bricichetta!! Mo m’hai rotto, me voli da aiutà a scappà fori sci o no?!! Che me fa male tuttu lu bracciu, mamma mia che dolore!!
Richetto – Sci, sci. Mo te tirerò fori, te ce lasserio di li ‘nvece!! Passeme la bricichetta Marì!
Marietta – Te preoccupi per testa? Ma!! Zittu ‘npò che me dole lu bracciu!!
Richetto – Quale bracciu te dole? Quillu bonu?
Marietta – No! Quillu solitu, quillaltru, ce n’ho dui, se non è quillu è quillaltru, mamma mia che lagnu che ciai però!! ‘ntanto sto decco col lu bracciu che me dole e li piedi ‘ndolu fangu. Sapissi che gusto!
Richetto – Eh! Che mo è corba mia se sei jita a cascà ‘ndo stu fossu?
Marietta – No, no n’è corba tua! E’ passatu Chiccu co lu carru de li porchi, io ciò avuto paura e me s’è sberbicata la bricichetta, accidenti a lia!!
Richetto – Daje ‘mbè! Sbrichete a passamme sta compagna de sventure!! Che io jo di li ‘ndo lu fossu a pijalla ‘nun ce vengo, non ciò voja se sporcamme le scarpe, porto quelle bone.
Marietta – Tiè va mpò! Chiappela che non iela fo, me pesa.
Richetto – oh! Finalmente!
Marietta – Ammò ‘ndo vai? Non m’aiuti a scappà fori da sto fossu!! Damme na mano!
Richetto – embè!! Che ‘npoli aspettà che porto a casa la bricichetta! Ce sei stata tanto ‘ndo stu fossu!!
Mho ciai prescia?
Marietta – Non me fa ncavolà!! Lo sai no! Richè, Richè, ma do sei jitu?
Richetto – Eccheme!! Sto di qui, e non strillà che te sentono tutti e ce fai la figura tua.
Co sti capilli turchinelli!! Tutta scarmijata ‘ndalu fossu!! Me pari la fatina turchina!!
Marietta – Se non te zitti te la fo vedè io la fatina turchina quando che scappo fori da stu fossu!!
Richetto – Eh! Damme sta mano e statte zitta!! ‘nco stai dello? Damme la man dritta che te chiappo!
Marietta – Sci! Proprio quella? ‘nco n’ hai capito che me dole?
Richetto – Ma nsomma! Dice che ce n’hai due? E damme quella che te pare!! Voli scappà fori o no da stu fossu? Damme qua!! Uno, due, tre Ohp!!
Marietta – Ahia mia!! M’hai fatto male!! Non putii da esse più dilicatu?
Richetto – Ohhhh! Non te sta bene niente!! Se non te zitti te ce ‘rbutto ‘ndo stu fossu e te vengo a pijà stardra settimana!! E vatte a pittinà che cuscì più che la fata turchina me pari na strega, tutta spettinata e  ‘nfangata.
Marietta – Sci perché si bellu tu! Io armeno prima ero pulita e pittinata pe ji da Bartuli, tu Invece!!!
Richetto – Io, Che cosa? Non so bellu! Me duviu da fa la barba, e se nun fusse stato pe sto rimpimento de fossi, adesso me l’ero ja fatta, accidenti!! Curri via e statte zitta, curri, curri che se te vede Nannina  se spaventa e je va via lu latte poveraccia!!
Marietta – Mha che me frega a me de sta Nannina!! Zittu, non parlà più e vatte a fa sta varba, che mo m’è venuta pure a me a forza de sentì ste cavolate.
Richetto – Doppo me la fo! Adesso ciò da accometà la bricichetta!!
Marietta – Ma va ‘mpo do te pare!!
Richetto – Ohh!! L’hai capito? Addio Marì, se vedemo doppo!!! Quanto lu gallu canta!!

Marietta – Da ‘mò c’ha cantato!! Oddio mio!!!